Le cose belle del nostro dialetto

” Chi c’ amu a ghiri a cuntari o Signuri “…

Tipica espressione del siciliano medio per sottolineare che occorre cogliere l’ attimo e che tirando le somme su questa terra non rimane nulla. Spesso si usa alla fine di una bella serata di divertimento o la mattina quando si raccontano le avventure della sera precedente.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *